Morbo di Parkinson

Bendandi Il Morbo di Parkinson

Il morbo di Parkinson (MP) è una malattia neurodegenerativa progressiva che colpisce comunemente le persone anziane in tutto il mondo. Colpisce circa lo 0,3% della popolazione generale e l'1–3% della popolazione di età superiore ai 65 anni.

 

I sintomi del Parkinson furono descritti per la prima volta duecento anni fa da James Parkinson nel 1817.

 

Il MP comporta la progressiva degenerazione della via dopaminergica nigrostriatale con sostanziale perdita di neuroni di substantia nigra pars compacta (SNpc) e deplezione della dopamina (DA).

 

Il segno patologico del MP è l'accumulo di inclusioni filamentose e citoplasmatiche costituite principalmente da aggregazioni di α-sinucleina sotto forma di corpi di Lewy (LB) o neuriti di Lewy (LN). La fosforilazione e la fibrillazione dell'α-sinucleina portano alla formazione di LB e inducono la morte dei neuroni

 

I primi sintomi possono includere: disturbi del sonno, lievi tremori, voce debole, difficoltà posturali, menomazioni nelle normali espressioni facciali, movimento ridotto degli arti, perdita di concentrazione, affaticamento generale e depressione senza alcuna causa evidente.

Con il passare del tempo i famigliari tendono a notare i tremori unilaterali a riposo, una riduzione delle attività volontarie e difficoltà posturali.

 

La diagnosi è essenzialmente clinica e si basa sulla presenza della tipica sintomatologia, rilevabile durante un’accurata visita neurologica.

 

Sintomi Motori (SM)

  • La bradicinesia si riferisce alla lentezza di un movimento volontario ed è probabilmente dovuta alla lenta programmazione per formulare istruzioni e/o alla lenta esecuzione di tali istruzioni. 
  • Il tremore a riposo è un movimento oscillatorio ritmico e involontario di una parte del corpo (arto, mano o piede), quando non viene attivato volontariamente e completamente supportato dalla gravità.
  • La rigidità è definita come una maggiore resistenza durante la mobilizzazione passiva di parti del corpo (come l'arto distale).
  • L'instabilità posturale si riferisce a disturbi dell'equilibrio che compromettono la capacità di mantenere la postura. Negli stadi avanzati della malattia, i pazienti sperimentano tassi di caduta più elevati e perdita di indipendenza.

 

Oltre ai suddetti sintomi motori "primari", i sintomi motori "secondari" (disturbi dell'andatura, micrografia, difficoltà del linguaggio, disfagia, distonia e disturbi della presa di precisione) peggiorano la qualità della vita delle persone affette dal Morbo di Parkinson.

 

Sintomi Non-Motori (SNM)

  • i sintomi neuropsichiatrici (depressione, disfunzioni cognitive e demenza)
  • i disturbi del sonno (insonnia, sogni vividi)
  • i sintomi autonomici (disturbi della vescica, ipotensione ortostatica, impotenza erettile).

 

Il MP è ancora una malattia neurodegenerativa incurabile e progressiva che colpisce la qualità della vita, tuttavia non è pericolosa per la vita.

E' multifattoriale ed eterogenea e per la gestione vengono adottati utilizzati più approcci.

 

Trattamento Farmacologico del Parkinson

 

Gestione nella fase iniziale

L'insorgenza dei sintomi del PD è legata alla profonda riduzione dei livelli di dopamina (DA) e alla morte delle cellule SNpc associata e peggiora nel tempo. Pertanto, gli approcci di neuroprotezione potrebbero ritardare la progressione della malattia e le strategie per mantenere i livelli di DA dei neuroni dopaminergici potrebbero fornire un sollievo sintomatico in una fase precoce del PD. In base allo stato del paziente nelle fasi iniziali con disabilità da lieve a moderata, vengono suggeriti farmaci di potenza lieve.

  • inibitori della monoamino ossidasi B (MAO-B);
  • il bloccante del recettore NMDA;
  • farmaci anticolinergici;
  • agonisti della dopamina

 

Gestione nella fase avanzata

​La gestione avanzata del PD implica l'ottimizzazione delle formulazioni contenenti L-dopa e la somministrazione di più farmaci, oltre a possibili approcci chirurgici e avanzati per fornire migliori benefici per la salute.

Poiché le manifestazioni avanzate di PD comportano gravi danni motori e sfide non motorie estreme, l'ottimizzazione richiede l'analisi precisa dei rischi e dei benefici dei trattamenti.

Quantità crescenti di L-dopa e dei suoi agonisti devono essere somministrate frequentemente in stadi avanzati quando i sintomi motori (discinesia, congelamento) peggiorano e i pazienti mostrano una risposta più breve e limitata ai trattamenti. 

 

La fisioterapia nel Parkinson

 

La fisioterapia consiste in molte diverse modalità di trattamento e nuovi interventi di fisioterapia vengono continuamente sviluppati.

 

Oltre alla fisioterapia convenzionale si propongono allenamenti di resistenza, allenamento su tapis roulant, allenamento strategico, danza, arti marziali, esercizi aerobici, idroterapia, allenamento dell'equilibrio e dell'andatura, dual tasking, exergaming, e nordic walking.

 

L'attività fisica nelle forme di esercizio migliora sostanzialmente:

  • le capacità fisiche (aerobici, di forza e flessibilità, equilibrio e agilità)
  • le attività legate all'andatura (come la lunghezza del passo, la variabilità del passo),
  • la postura,
  • i trasferimenti,
  • l'equilibrio ed i rischio di cadere,

Oltre ad avere un impatto importante sull'aspetto cognitivo del movimento:

  • attenzione sostenuta, velocità di elaborazione e flessibilità mentale

 

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Poliambulatorio Salute e Tecnologia s.r.l. – Direttore Sanitario: Dott. Bendandi Pier Carlo - Via Trieste 45, Russi 48026 – tel. - fax. 0544.580667 C.F. - P.IVA e Reg. Imp. di RA: 02277820391 – R.E.A.: RA -187552 - Cap. Soc. 25.000€ – email: polsalutetecnologia@libero.it – www.poliambulatoriosalutetecnologia.it

Chiama

Come arrivare